Bookmark and Share
Pinuccio & Doni Around the
house
IMG1385

nikonf65

BORNEO - (2011) di Saby e Ivo

per info sul paese click sulla bandiera

item6

FOTO

TORNA ALL'INDICE DEI DIARI

Viaggio di Sabina e Ivo

MALAYSIA

WAKE UP WAKE UP ……..AND SMELT THE SOUND OF BORNEO !

SUMMER TIME 2011

 

Il Borneo è la terza isola più grande al mondo (dopo Groenlandia e Nuova Guinea)  e la maggiore dell'arcipelago malay- indonesiano.

I suoi numeri sono da record, cosi citano le molteplici guide turistiche.

Qui  vi si trovano le grotte più ampie al mondo,  il punto più alto del Sabah il Monte Kinabalu con oltre 4.000  mt. ; il maggior sistema fluviale con il

fiume Kapuas ; milioni di specie animali , protette e non ... scoperte e ancora da scoprire !!

Il Borneo presenta  una grande biodiversità; si trovano innumerevoli specie di fiori,  alberi, la foresta pluviale è l'unico habitat esistente per il

bellissimo Hornbills, per gli orang-utan, per l'elefante asiatico e il rinoceronte di Sumatra.

Politicamente l'isola è divisa in tre parti: la parte settentrionale tra Sarawak e Sabah , che  appartengono  alla  Malaysia e che noi abbiamo

visitato, con in mezzo il minuscolo stato del Brunei (ex colonia inglese).

E' la seconda volta che  esploriamo questa Nazione (mai successo) e mi son fatta un'idea... qui  si è davvero, realmente, protesi alla ricerca delle

caratteristiche che uniscono.

In questa bellissima terra non si fa troppa distinzione tra popoli, religioni e culture differenti. Ve ne sono di compatibili e di ogni, tra le quali le

interessantissime tribù della foresta  i Penan, Dayaks, Orang Ulu o i famosi Iban.

Le razze si mescolano senza confondersi, mantenendo tradizioni usi e costumi nei secoli .

Si congiungono gli intenti religiosi, commerciali, politici, si convive pacificamente. Non come da noi in Italia, che tendenzialmente evitiamo l’

accoglienza, sottolineiamo negativamente le diversità di popoli, colore della pelle, dialetti , provenienze e dove ahimè ancora e purtroppo, si riscontra

pochissima apertura mentale !!

IN MALAYSIA C’È MOLTO DA CONDIVIDERE, ed è per questo che ci siamo ritornati.

Per approfondire la conoscenza di un Paese , splendido, dove tutto è un enorme * gigantesco  * colorato * profumato melting pot .

VIVERE UN VIAGGIO IN BORNEO È ....VIVERE E VIAGGIARE LIBERI !

 

ROUTING SABIVO BORNEO – SUMMER 2011

31/07 MILANO * MUSCAT

01/08 MUSCAT *  KUALA LUMPUR

02/08 KUALA LUMPUR

03-07/08 DAMAI  * KUCHING  

07-09/08 KUCHING * MIRI  

10/08 MIRI * KOTA  KINABALU

11-17/08 KOTA KINABALU

18/08 K.K. * K.L.

19/08 K.L. * MUSCAT * MILANO

 

Ivo and I, abbiamo prenotato autonomamente via internet sia i voli che tutti gli hotel prescelti. L’affidabile signora Antonietta della Anywhere Viaggi,

nostra agenzia di fiducia da anni, ha invece provveduto al volo intercontinentale.  

L'ultimo giorno di luglio decolliamo con  Oman air, di tutto celeste vestita, direzione Muscat. Breve scalo nel middle east per poi raggiungere KUALA

LUMPUR dove ci tratteniamo solo i primi 2 gg. considerato che ci siamo già stati in altri viaggi precedenti.

Ci gustiamo nuovamente la capitale del paese.

Questa città trabocca di gioielli culturali che meritano di essere visti e ri-visti.

E’ una sapiente miscela di architettura contemporanea e di influenze coloniali.

La città cosmopolita (una delle mie preferite al mondo, insieme a Londra e il Cairo) oscilla in bilico tra passato e futuro grazie ad alcuni luoghi

impedibili : i grattacieli di cristallo delle torri Petronas, Merdeka Square, l'imponente  quartiere cinese, Little India,  il mercato centrale, il parco

degli uccelli, le Batu Caves.

Giunti a K.L.  ci accoglie ovviamente anche il tipico caldo dei paesi asiatici

Umidità e calore quasi soffocano…  

In più, la novità dell’anno è che il Ramadan....E’ appena iniziato.

Proseguirà  per l’intero mese di agosto, per concludersi con Hari Raya la grande festa (una sorta del ns. Natale). Come aveva annunciato il capitano

in aereo, è severamente proibito/vietato mangiare e bere in pubblico, per rispetto dei credenti muslim.

Dal KLIA in poco meno di un ora ci trasferiamo a Jalan Chulan dove sta il  nostro hotel, che è di nuovo l’Equatorial Hotel, proprio dietro le Petronas

tower a due passi dal city center. Le 2 splendide torri sono visibili dall’alto della nostra camera ma anche da ogni angolo della città .

La mattina seguente, senza per nulla risentire del fuso orario,  partiamo per le Batu Caves. Sono delle enormi grotte di formazione calcarea, situate ad

una quindicina di km da K.L e la cava principale viene raggiunta solo dopo aver scalato la bellezza di  272 scalini  .

Vi è un grande tempio Hindu e all'entrata la statua dorata più alta al mondo di Murugan figlio di Shiva, accompagnato dall’immancabile pavone.

Intorno negozi, numerose sculture e dipinti dai colori accesi .

Al top della montagna altri piccoli templi seminascosti nelle caverne, dove molti fedeli in adorazione cantano i loro mantra. Pace incredibile, con

incensi fiori e le consuete scimmiette color rosso-oro che  incorniciano il contesto.

Fuori dalla grotta principale è possibile visitare a pagamento anche le Bats e spiders cave.

Rientriamo a K.L direzione Petaling street una delle più suggestive e caratteristiche, pranziamo al Pavillon all’ingresso di chinatown, che è

essenzialmente un’enorme strada pittoresca sempre  animata sia di giorno che di notte.

Dopo pranzo la via  diventa pedonale e accoglie il chiassoso bellissimo mercato notturno che attira sempre molti turisti ma anche locali. Qui si può

trovare ogni specie di frutta, pesce, succhi, scarpe, vestiti ma  il top rimane l'artigianato locale che offre prodotti originalissimi .

Tutte le piccoli luci rendono l'atmosfera particolare e intanto si fa sera.

E’ l’ora del tramonto.

Ci avviamo  al vicino central market, antico luogo di scambi e commercio fondato nel 1888 , meglio conosciuto  come “multi-racial culture point” .

La zona si raggruppa all’incrocio delle 3 principali strade : Lorong Melayu, Straits Chinese and Lorong India, che riassumono le differenze delle 3

grandi razze presenti in Malaysia.

Alla sera è bello cenare all’ultimo piano del Suria KLCC (Kuala Lumpur City Center).

Questo centro raggruppa, su sei livelli, la maggior parte delle grandi marche occidentali e tanti ristoranti etnici. In prossimità, si trova la piscina

pubblica circondata da un parco verdeggiante dove alla sera fanno  spettacoli di suoni e luci...... sarà perché siamo appena arrivati noi !  Chiusura

della giornata ad ammirare le torri.

Sono sempre ipnotiche, magiche, immense! Ancora più belle di notte: una volta illuminate, offrono uno spettacolo superbo, colorato nelle sfumature dell'oro

e d'argento.

L’indomani partenza per il  SARAWAK, la regione  conosciuta come regno dei  "buceri", ricchissima di meraviglie naturali, che è stata soprattutto il

regno di James Brooke il primo "Rajah bianco" colonizzatore.

Primo volo interno, lasciamo K.L per Kuching. Imbarco al LCCT via Sepang.

Con l’ottima Airasia , da  3 anni la miglior compagnia low cost al mondo, arriviamo all’aeroporto e ci spostiamo direttamente verso il mare, puntando a Damai,

nel nord della penisola del Santubong. Qui le strade sono in condizioni eccellenti e non è difficile trovare un minibus che ci porta alle destinazioni più

importanti.  Siamo nel cuore della foresta e non possiamo che visitare il Sarawak Cultural Village, il museo vivente di tutte le etnie del Sarawak,

che sta a fianco del ns. hotel  Holiday Inn Damai Beach Resort.

In seguito dedichiamo le giornate al trekking nella giungla, una delle meglio preservate del paese. Devo ammettere che qs. regione è particolarmente

tranquilla, qui si viene o a fare i percorsi oppure per starsene in santa pace in riva al mare.

Visitiamo anche  il minuscolo villaggio di Buntal, che prende il nome dal'orribile pesce spinoso (brutto ma buono da mangiare)   e poi , sempre  

via terra, raggiungiamo Kuching , la graziosa capitale , che  piace da subito

per  i suoi bellissimi giardini, palazzi antichi, mercati all'aperto, templi , pagode cinesi e moschee.

La città si sviluppa intorno al lungofiume, dove ci sono la  big Astana,

Fort Margherita, tante statue dei gatti,  simpatiche ma alquanto kitch, qualche piccolo  centro commerciale , il museo del Sarawak , altra chinatown e altro

night bazar .

IN KUCHING  ci sono molte escursioni interessanti da fare.

La prima sicuramente è  il centro di riabilitazione degli orang-utan, la riserva naturale di Semenggoh, che ha come scopo il recupero e la

reintroduzione degli oranghi nel loro habitat naturale.  In una giornata , immersi nel verde umido effettuiamo  lunghe passeggiate lungo i sentieri del

Parco, avvistando animali tipici come gli istrici, molte cicogne, macachi  e scimmie cuccioli. Ma il must  in assoluto è all’ora del pasto , quando

quasi  in rigoroso  silenzio ci incamminiamo sulla piattaforma di avvistamento e piano piano vediamo  avvicinarsi gli orang-utan che si prendono per mano o volano tra le liane.

Non capita tutti i giorni l’opportunità di vedere questi  animali liberi nel loro habitat. E' essenzialmente un' emozione indescrivibile,  vale la pena

ammirarli, anche se solo per poche ore.

Un’altra interessante escursione è al Bako National park, che noi abbiamo prenotato con la locale Interland travel . Il parco nazionale del  Bako è

molto piccolo, quasi sconosciuto ma ha la caratteristica di avere una grande varietà di vegetazioni in un paesaggio unico, visto che la foresta si incrocia con

paludi che si confondono in spiagge per poi diventare spigolose rocce.

I panorami sono  paesaggi contrastanti, infatti ci sono insenature nascoste, altopiani rocciosi e alti scogli. Alla base degli scogli il mare ha scavato

archi , tunnel e grotte, levigate dall’ azione costante delle onde.

Scegliamo di girarlo con una  guida, un uomo della tribù degli Iban, tutto tatuato, vigoroso, forte e instancabile camminatore, his name is LLoyd.

Con lui e una coppia di francesi iniziamo un intenso trekking  avvistando le Proboscis Monkey dormienti sulle cime degli alberi (gli iban le chiamano  

anche Dutchman monkey perchè hanno grandi nasi, pelle chiara e pelo rosso proprio come i primi coloni provenienti dall’Olanda) enormi vipere verdi, gli scoiattoli volanti , i macachi color argento, famiglie di cinghiali, varani, conigli e piante carnivore ma non la rafflesia!!

LLoyd tra le tante cose ci spiega che questa pianta rossa, la più grande al mondo, non ha tronco, ne foglie nè vere radici, ha il fiore  più pesante che

necessita 9 mesi per nascere, 3-4 giorni di fioritura per poi tristemente appassire , dissolvendo nell’aria una terribile puzza di carne putrefatta !

I simboli per eccellenza di questo N. P sono : il Bako (un bacco da frutta rossa ) e il faraglione.

Il 07 agosto domenica, passaggio a Miri ma prima di lasciare Kuching visitiamo i suoi colorati  Sunday Market , folle levataccia ma ....la rifarei subito !

Da Kuching a Miri il volo è breve, sempre con air asia. Arrivati all’aeroporto di Miri , la  città del petrolio  ci  sistemiamo all  hotel  Parkcity everly, che si affaccia sulla spiaggia del  South China Sea e cerchiamo di organizzare

i 3 giorni per il Niah N.P.  e le Mulu Caves.

Da subito la cosa sembra difficoltosa.

Niah è un parco molto originale perchè le caverne non illuminate ospitano antiche pitture rupestri e  i famosi nidi di rondine.

Tentare di andarci autonomamente diventa penoso, non c’è taxi o bus o privato che accompagni il viaggiatore indipendente, perché ogni richiesta viene

deviata alle agenzie turistiche locali, che hanno solo necessità di vendere gli esosi pacchetti.

 

La stessa cosa , anzi peggio, vale per il Mulu National Park uno dei più spettacolari parchi dichiarato patrimonio Unesco . il Gulung Mulu N.P. è una

vetta di arenaria, e nei suoi confini si possono esplorare i villaggi dei tagliatori di teste, i Pinnacoli e le  grotte, che  costituiscono il

passaggio sotterraneo più vasto al mondo,  alternando millenarie stalattiti e stalagmiti.

Un esempio veloce di trattativa privata:

Per una partenza al mezzogiorno e rientro alle 9. a.m del giorno successivo  (solo pernotto, senza possibilità di visitare le Clear water e volo escluso)

ci viene richiesta la cifra minima di 320 euro – non dollari - a persona.  

Che truffa, una vera rapina senza pistola!  

Considerato che abbiamo preso contati molti mesi prima via @ e in loco le

condizioni cambiano drasticamente... a nostro sfavore, a saperlo prima, avremmo escluso questa tappa, evitando di spendere o meglio sprecare,  3 giorni a Miri.

Ci è  indispensabile visitare un altro parco, cosi optiamo per il minore Lambir Hills N.P.

Questo è uno dei parchi meno conosciuti, ma  ci è piaciuto per le sue piscine naturali. Ci stiamo una giornata intera, raggiungendo la vetta il Bukit

Lambir per poi riposare ,  davanti alle  belle  cascate color oro- rosso . Pochi animali, pochi turisti  ma all’uscita il ranger si complimenta con noi

perché siamo i primi italiani dell’estate 2011 !

Miri è una cittadina piccola e decisamente concentrata su 2 fronti , il mercato del pesce e il mercato del petrolio. Qui era stato scavato il primo

pozzo petrolifero, ovviamente per conto della  Petronas Petrolium,  la compagnia delle torri.

Dopo la parentesi a Miri, facciamo l’ultimo spostamento interno, salutiamo la regione del Sarawak, ci spostiamo in Sabah .

 

SELAMAT DATANG KE SABAH !!

La regione del Sabah occupa la punta  più orientale del Borneo e sta proprio sotto le Filippine.

E’ molto più povera e sobria della prima, ma decisamente vivace.

Già il fatto di essere al mare ..…beh tutto cambia!

Voliamo  su Kota Kinabalu,  che i  malesi chiamano semplicemente K.K.

La  capitale del Sabah ed è una città molto moderna, su cui svetta una grande torre di trenta piani in acciaio e vetro: non potrebbe essere più forte il

contrasto con la giungla alle sue spalle, che si avvolge alle  pendici del monte Kinabalu e abbraccia il mare  sul lato opposto, impeccabilmente blu,

bellissimo.

Dopo il primo tour orientativo a piedi, raggiungiamo Jesselton point il porto e, con le calde luci e il mare davanti ci godiamo un bellissimo tramonto,

il primo di tanti.

Quale modo migliore per iniziare  la  nuova parentesi di divertimento e meritato relax alle isole.

La parte più suggestiva è senz’altro il lungomare, che collega il porto alla zona dei negozi, al mercato filippino, dove sta l'hotel D’ Borneo , che

abbiamo contattato su Tripadvisor.

Abbiamo preferito questa zona perché è un ottima alternativa alle esclusive Sipadan , Lankayan o Mataking . A K.K  infatti c’è  il  vicino parco marino

Tunku Abdul Rahman Marine Park  , ricco di isole da sogno , un vero santuario marino,  circondato da un’ ampia barriera corallina.

La nostra intenzione di base è cambiare ogni  giorno isola.

L' arcipelago comprende  5 isole principali : Pulau Gaya,  Sapi,  Manukan,  Mamutik e  Sulug, tutte raggiungibile in barca quotidianamente in meno di 10-20 minuti .

Le abbiamo viste tutte tranne Gaya.

Le isole sono  circondate da acque ancora cristalline, splendide spiagge con sabbia rosa o bianche e una grande varietà di coralli e di pesci tropicali.

A nostro parere Sapi  , decisamente piccola è deliziosa, ma troppo spesso intasata da coreani e cinesi isterici, armati di maschere, materassini, pinne

e ridicoli enormi  salvagenti . Questi se ne stanno a riva urlando per ogni cosa, disturbano al massimo l’ecosistema, per cui è impossibile fare snorkel in

tranquillità,  sembra di ritornare alle isole Redang... c'è troppa confusione.

Manukan e  Mamutik sono le migliori per concedersi giornate di relax lontani  dalla città nella giusta dimensione. Le isole sono orlane dalle alte palme,

le acque sono decisamente trasparenti e invitano allo snorkelling già a pochi metri dalla riva. Avvistiamo molti tipi di pesci ,  tartarughe, squaletti,

coralli gialli, verdi, viola rimanendo ogni giorno  soddisfatti.

E' anche  possibile praticare diversi sport l'acquascooter, kayak, wake – board , il moto sub ( mai visto prima) e altre attività come  la navigazione

tra le mangrovie e le uscite in barca per osservare lo spettacolo  delle lucciole al calar delle tenebre.

Ci sono inoltre ristoranti  piccoli ma ben forniti .

L'unica pecca è che verso le 3-4 del pomeriggio arriva puntuale la bassa marea per cui è severamente vietato fare snorkel o diving dopo pranzo. i lifeguard

controllano rigidamente e sono previste anche  sanzioni per chi non osserva i divieti sulle spiagge.

Tornando a K.K. City merita una visita l’originale Mari Mari Village, un centro culturale che espone ed esalta le diverse discendenze indigene ,

immerso nella foresta dell’Inanam.

Qui vengono  rappresentati 5 dei principali 32 gruppi etnici che vivono nel Sabah.

In the village, you will be introduced to various traditional homes of Sabahan ethnic communities the Bajau, Lundayeh, Murut, Rungus and Dusun, which are

built by descendants of the tribes which they represent.Nel villaggio (che raggiungiamo con il taxi) ammiriamo le case tradizionali dei Bajau,

Lundayeh, Murut, Rungus e Dusun, che sono state ri-costruite dai discendenti delle tribù che rappresentano. Experience the traditional lifestyle and learn about

their cultures and traditions as well as tasting their traditional delicacies.

La fusione degli  stili di vita, l'osservanza delle regole non scritte di ogni loro cultura, la degustazione dei prodotti gastronomici, l'armonia dei

movimenti  mescolati alle danze, l'eleganza dei colorati costumi , lo spettacolo musicale con  cena conclusiva ci hanno permesso di avere un

confronto più diretto con quelli che vengono  chiamati aborigeni o primitivi.

In realtà qs. tribù hanno moltissimo da insegnare agli “evoluti moderni “ in

termini di rispetto, credo, osservanze e sopratutto senso di appartenenza e spiritualità.

Molti  occidentali devono solo imparare in termini di pacatezza e buona educazione dagli asiatici !!

Altra divertente fusione con i locali in K.K. l'abbiamo avuta  al mercato di Gaya Street . Alla domenica mattina dalle 6.00 fino al primo pomeriggio

anche qui la via viene chiusa al traffico per far posto alla sagra del tutto:  animali vivi e morti, gigantesche piante di orchidea, pesci fritti,

calzature, torte colorate,  enormi ombrelloni , statue di bambù, ogni cosa viene esposta e venduta sotto l’ombra degli alberi , un grande gaio mercato per turisti locali e curiosi.

Al termine delle nostre 3 settimane in Borneo siamo nuovamente soddisfatti e felici di aver potuto approfondire , e conoscere un po meglio la Malesia,

che regala , in ogni suo angolo, emozioni e paesaggi sempre esaltanti !

 

KERIMA KASI MALAYSIA,

SABY   &   IVO

.......  come canta il Luca nazional-bolognese....

 

Ti dicono di stare attento e che lì non si può andare

Che di sicuro non c'è niente ...

e c'è anche il rischio di non tornare

Ma voglio uscire dalla rete , dalle mappe dettagliate

Non finisce mica il mondo ... dove finiscono le strade

 

Voglio uscire dalle strade anche se fa un pò paura

Verso l'ignoto , verso il nuovo, verso un'avventura

Via dai posti conosciuti , via dalle cose un pò scontate

Non finisce mica il mondo ....dove finiscono le strade

 

Se il mondo è tondo chi lo sa

Se il mondo è tondo non si sa

Se gira se rimbalza o se va :

Dimmi dove va e che cos'è la LIBERTÀ

 

 

 

La nostra  Malesia in pillole :

http://www.anywhereviaggi.it/

http://www.equatorial.com/kul/

http://batucaves.com/

http://www.jalanpetaling.com/shop/

http://www.suriaklcc.com.my

http://www.journeymalaysia.com/MR_bako.htm

http://www.miriresortcity.com/

http://www.sarawak.gov.my/

www.airasia.it

www.scv.com.my  per Sarawak Cultural Village

http://www.holidayinn.com/hotels/it

http://www.malaysiasite.nl/bakoeng.htm

http://savetheorangutan.org

http://www.kotakinabalu.com/

http://www.sabahtravelguide.com

http://www.sabahtourism.com

http://www.traversetours.com/culturalvillage.php

Slide show

image1

Questa parte del sito è a vostra disposizione

inviateci le vostre foto e i diari di viaggio

pubblicheremo tutto su queste pagine

pinuccioedoni@pinuccioedoni.it

GRAZIE!!!

TORNA ALL'INDICE DEI DIARI

iniziopagina