Bookmark and Share
Pinuccio & Doni Around the
house
IMG1385

VACANZA A SAMOS - (2005) di Giovanna

per info sul paese click sulla bandiera

item2a
MARE2

TORNA ALL'INDICE DEI DIARI

Viaggio di Giovanna e Umberto

GRECIA

L’isola di Samos è ubicata nella parte più orientale del Mar Egeo a poca distanza (circa 1.3 km) dalla Turchia. Si tratta di una meta non molto battuta dal turismo, infatti sono pochi i Tour Operator che la comprendono nei loro itinerari, ma che vale sicuramente la pena di visitare per la bellezza dei suoi panorami e del suo mare.

L’isola è piuttosto grande, il periplo esterno misura circa 140 km di lunghezza, e quindi è adatta a coloro che non amano stendersi sulla prima spiaggia a portata di mano, ma che vogliono conoscere un po’ più a fondo i luoghi nei quali trascorrono le proprie vacanze.

Di seguito riporto alcune informazioni di carattere pratico, in cui tutti i prezzi sono relativi alla prima quindicina di giugno e quindi alla bassa stagione (quindi per chi parte a luglio ad agosto i costi potrebbero essere più elevati).

Samos4Samos8

COME ARRIVARE

Come dicevo in precedenza, sono pochi i Tour Operator che si occupano di Samos; i pacchetti comprendono in genere il B&B o la mezza pensione e nel periodo di bassa stagione (giugno-settembre) non costano meno di 600–700 € per una settimana (più tasse ed assicurazione). I voli charter per Samos in genere sono previsti da metà giugno a metà settembre, quindi se si vuole visitare l’isola prima o dopo tali date occorre ripiegare sul volo di linea che non è diretto, ma fa scalo ad Atene. Noi per il solo volo di linea abbiamo speso circa 340 € a testa (già compreso di tasse), mentre 9 giorni in B&B sull’isola ci sono costati circa 200 € a testa.

COME MUOVERSI

L’isola di Samos è piuttosto grande, quindi se si vuole visitarla tutta occorre pensare di noleggiare un mezzo. Noi abbiamo optato per lo scooter, però credo sia meglio pensare a noleggiare una piccola automobile, soprattutto perché sull’isola (come in tutte le isole greche) spira sempre un po’ di vento, che durante la piena stagione estiva diventa il famoso meltemi, e scorazzare in motorino controvento magari di sera non è molto piacevole….

I costi per il noleggio di uno scooter variano tra gli 8 e i 10 € (compresi di assicurazione) al giorno, mentre per una piccola automobile (tipo Atos o Seicento) si possono spendere circa 20 € al giorno.

Le strade sono abbastanza belle, tuttavia talvolta si presentano con un asfalto estremamente liscio e scivoloso (noi siamo riusciti a cadere dallo scooter quasi da fermi scivolando sull’asfalto).

La benzina è molto conveniente rispetto all’Italia e costa circa 0.85-0.88 € al litro.

Samos7
Samos5

DOVE ALLOGGIARE

Sull’isola sono presenti innumerevoli possibilità di alloggio che spaziano dal villaggio all’hotel di lusso, dalle pensioni agli appartamenti in affitto; nella scelta del vostro alloggio tenete conto che la costa meridionale è sempre molto meno ventosa e il mare più calmo rispetto a quella settentrionale.

Sicuramente mi sento di consigliarvi la struttura nella quale abbiamo alloggiato noi, l’Hotel El-Coral, ubicato sulla spiaggia di Potokaki a circa 2 km di distanza dall’animato centro turistico di Phytagorio lungo la costa sud dell’isola. Si tratta di un piccolo albergo (sole 19 camere) estremamente pulito, gestito da una simpatica coppia (la signora Matina parla correttamente lo spagnolo e il tedesco, mentre il suo inglese è piuttosto stentato….) ed è ubicato direttamente sulla spiaggia. Potete fare la vostra prenotazione direttamente via Internet all’indirizzo el-coral@otenet.gr e potete vedere l’albergo all’indirizzo www.elcoral.gr. Un consiglio: ricordatevi di chiedere una camera vista mare al momento della prenotazione !!

Si tratta di un posto molto tranquillo, sconsigliato quindi a coloro che amano la vita notturna e consigliato a coloro che vogliono svegliarsi con il rumore del mare sotto la propria finestra…. Noi abbiamo pagato 45 € a camera a giorno con il trattamento B&B.

DOVE MANGIARE

Per quanto riguarda i suggerimenti su dove mangiare, vi consiglio di chiedere qualche consiglio ai gestori del vostro albergo, che in genere sanno indicarvi i posti migliori o quelli più caratteristici. Se siete nella zona di Phytagorio ed avete un mezzo, vi consiglio di non fermarvi nella cittadina che è molto turistica, ma di fare qualche chilometro verso l’interno e di andare in una qualsiasi taverna lungo il tragitto.

Posso consigliarvi nella zona di Chora la Taverna Synandisi, dove fanno il miglior mussaka che io abbia mai mangiato in tutte le mie peregrinazioni sulle isole greche; si trova all’incrocio principale, venendo da Phytagorio circa 50 metri prima sulla destra.

Dopo l’incrocio in direzione Pyrgos si trova la taverna da Antonio, dove abbiamo mangiato splendidi piatti a base di verdure e dove il ragazzo che serve ai tavoli parla benissimo l’italiano. Per mangiare in due, anche con una cena a base di pesce, non abbiamo mai speso più di 20-22 €, compreso il vino locale ed il dolce.

SPIAGGE

Le spiagge di Samos sono per la maggior parte di ciottoli o ghiaia, quelle di sabbia sono molto rare. In genere si tratta di spiagge libere, magari con una taverna o un bar dove poter comprare qualcosa da bere o da mangiare e nulla di più; esistono tuttavia anche spiagge organizzate con ombrelloni e sedie a sdraio. Essendo l’isola molto verde, spesso ai limiti delle spiagge ci sono alberi a garantire un po’ di frescura nelle ore più calde della giornata.

Il mare ci è parso veramente bello, con acqua pulita e anche le spiagge in genere sono ben tenute.

Tra quelle che vi consiglio di visitare ci sono Murtia e Kerveli lungo la costa orientale; Posidonio (dove c’è un caratteristico paesino affacciato sul mare), Klima, Psili Ammos, Pefkos, Ballos, Kampos, Limnionas sulla costa meridionale.

Samos1
Samos3

ESCURSIONI

Vi sono molte isole nelle vicinanze di Samos che possono essere raggiunte con una o due ore di barca, alcune delle quali sufficientemente piccole per essere visitate in un giorno magari con l’aiuto di un motorino.

Noi siamo stati a Patmos, una piccola isola ubicata a circa 2 ore di barca, che ospita un famoso monastero dedicato a San Giovanni. All’arrivo a Skala, il capoluogo di Patmos, il monastero spicca in cima ad una collina come un castello; infatti il bianco e piccolo monastero è circondato da alti muraglioni di colore scuro che lo fanno assomigliare ad una fortezza impenetrabile. Per raggiungere il monastero si può noleggiare uno scooter al porto, prendere un taxi o un bus o semplicemente salire a piedi come abbiamo fatto noi. La strada nuova ed asfaltata sale con ampi tornanti in circa 4 km, ma c’è una vecchia mulattiera con fondo in pietra, molto ben tenuta, che sale direttamente in soli 2 km. Dall’alto si gode di una splendida vista sull’isola.

Dopo aver visitato il monastero e magari aver comprato qualche souvenir negli innumerevoli negozietti della bianca cittadina di Hora che lo circonda, si può tornare al mare e fare il bagno in una delle bellissime calette dell’isola.

La barca parte verso le 8.30 del mattino da Phytagorio per tornare verso le 16 o 17 a seconda della stagionalità. Il costo del biglietto (piuttosto salato!) è di 28 € a testa.

Una escursione che vi consiglio certamente di fare è quella ad Efeso; si tratta di una dei più importanti siti archeologici dell’area mediterranea ed è ubicata in Turchia.

Noi abbiamo optato per un tour organizzato dalla Rhenia tour, una agenzia di Phytagorio dove lavora un ragazzo molto simpatico che parla italiano; il tour comprende il biglietto della barca che parte alle 8.30 del mattino da Phytagorio a Kusadasi in Turchia (per la modica cifra di 40 € a testa !!), più con ulteriori 20 € a testa lo spostamento fino ad Efeso in autobus (circa 18 km a nord di Kusadasi) e la guida (nel nostro caso parlante inglese, ma se ci sono sufficienti turisti italiani c’è la possibilità di avere una guida parlante italiano).

Il tour ad Efeso è di sole due ore, ma c’è la possibilità di fermarsi più a lungo e di tornare a Kusadasi con un taxi o un autobus in tempo per riprendere la barca per Samos che parte dal porto alle 17.

Se non si vuole aggregarsi al tour organizzato, è possibile comperare solo il biglietto della barca e poi arrangiarsi con un taxi o autobus per raggiungere Efeso; all’ingresso del sito è possibile comperare una guida scritta in italiano. Il biglietto di ingresso costa 7 e a testa.

Nonostante i costi, vi consiglio di non perdervi questa escursione, perché il sito è molto ben tenuto e vale sicuramente la pena visitarlo. Portatevi un cappello perché il sole picchia!

Per finire non posso fare altro che consigliarvi questa isola se siete amanti del bel mare, della gente simpatica e delle località non troppo turistiche. Arrivederci alla prossima isola greca!

Giovanna

MUSEOEFESO
Samos9

Questa parte del sito è a vostra disposizione

inviateci le vostre foto e i diari di viaggio

pubblicheremo tutto su queste pagine

pinuccioedoni@pinuccioedoni.it

GRAZIE!!!

TORNA ALL'INDICE DEI DIARI

iniziopagina