Bookmark and Share
Pinuccio & Doni Around the
house
IMG1385

nikonf65

MADAGASCAR - Resoconto di viaggio (2007) di Roberto Gnudi

per info sul paese click sulla bandiera

item6

Ciao Pinuz degli abissi

ti invio un resoconto del nostro viaggio solo per far sapere indicativamente come da te suggerito dove sono state scattate le foto.

A presto, Rob

FOTO

TORNA ALL'INDICE DEI DIARI

Madagascar11

Madagascar   10 ago-2 set. 2007

 

In questo nostro viaggio abbiamo scelto di visitare il pių possibile nel tempo a disposizione i parchi, partendo da Tana e scendendo verso sud.

Abbiamo preferito soggiornare al mare nel sud meno turistico delle pur splendide baie del nord.

Ci siamo spostati a bordo di una 4x4 con autista-guida. Nei parchi la visita avviene con guide autorizzate.

1° giorno. Partenza per la riserva del Perinet. Successivamente arrivo alla riserva nazionale di Analamazamotra. Giro notturno: incontro con alcune specie di camaleonti. Pernottamento in bungalow.

2° giorno. Visita al parco alla ricerca dei lemuri e in particolare dell’ Indri-Indri, il pių grande dei lemuri e quasi privo di coda. Vive solo in questa zona. Indimenticabile il suo “urlo” udibile anche a parecchie centinaia di metri di distanza. Ritorno in serata a Tana.

3° giorno. Ambatolampy-Antsirabe.Si viaggia sugli altipiani caratterizzati dalle tipiche coltivazioni a terrazze. Lungo il percorso si vedono diversi villaggi Merina con costruzioni fatte di mattoni rossi, il colore della terra. Antsirabe č a 1600m sul livello del mare. Qui vengono prodotte molto artigianalmente le pentole di alluminio utilizzate in tutta l’isola e la buona birra nazionale THB (three horses beer).

4° giorno Ambositra-Ranomafana. Ambositra č caratterizzata dalle botteghe artigianali del legno.

Ranomafana si trova nel parco nazionale omonimo, caratterizzato da colline ricoperte da foresta pluviale, ad una altitudine di 800-1200m. Numerosissime le specie animali e di piante presenti in questo parco.

5° giorno visita del parco. Pernottamento in bungalow.

6° giorno Partiamo per Fianarantsoa (antica capitale del Madagascar) 1500m. Ci si addentra nella regione abitata dalla tribų dei Betsileo che vivono prevalentemente di agricoltura.

7° giorno Andringita. Attraversiamo piantagioni di thč e vigneti della zona di Ambalavao famosa per il grande mercato settimanale degli zebų, per la produzione di scialli in seta e per la cartiera artigianale di Antaimoro dove viene prodotta un tipo di carta, ricavata dalla lavorazione del sisal e decorata con petali di fiori essiccati.

Raggiungiamo infine il massiccio dell’Andramira, secondo tetto del Madagascar.

Pernottiamo al Camp Catta.

8° giorno Visitiamo il parco in mezzo a blocchi di granito fino alla “Cascata dei Re”. Raggiungiamo il monte Camaleon (per la forma molto simile all’animale omonimo). In questo parco si incontrano lemuri Catta e Sifaka,

9°-10° giorno Ranohira. Raggiungiamo Ranohira attraversando piantagioni di riso e tabacco. Proseguendo il paesaggio muta, si entra nella regione pių arida del paese e si arriva all’infinita prateria dell’altopiano dell’Horombé. Lungo la strada si possono notare numerosi termitai.

Ranohira si trova ai confini del Parco dell’Isalo: canyon, grotte, picchi di rocce, si alternano in un’infinitā di forme scolpite e plasmate dal vento e dall’acqua da milioni di anni.

Al tramonto sulle montagne si stendono colori che infuocano tutto il paesaggio.

Si possono fare diversi percorsi (anche trek di pių giorni). Indimenticabile.

11° giorno Partenza per Tulear (240 km, 4 ore). Si attraversa parte del territorio della tribų dei Bara, con zone di savana alternate a zone verdi con palme argentate e piante di tapia.

A circa 100 km da Tulear compaiono i primi baobab e si incontrano le prime tombe Mahafaly dipinte e decorate con steli funerari in legno. Inizia qui il territorio che si estende sulla costa sud-occidentale della tribų dei Vezo. A qualche chilometro da Tulear troviamo le prime piante grasse.

A pochi km da Tulear incontriamo un ciclista italiano che sta viaggiando da Tana, ormai vicino al sospirato traguardo. Particolare: č diabetico e sta facendo anche un resoconto medico relativo alle sue condizioni fisiche!

12° giorno Partenza via mare per Anakao (40’). La strada sterrata che separa Tulear da Anakao č veramente disastrosa e richiederebbe pių di 6-8 ore.

13°-16° giorno Anakao. Non facendo sub ci limitiamo allo snork  alla barriera corallina. Facciamo un’escursione all’isola di Nosy Ve dove nidifica l’uccello “Le Paille en Queue”. In un'altra uscita siamo fortunati e riusciamo a vedere 2 balene e qualche delfino. Interessante il villaggio di pescatori con le tipiche piroghe a bilanciere.

17° giorno Si torna via mare a Tulear e da qui in volo a Fort Dauphin

18° giorno Partenza per il Parco privato di Berenty (90 km 3h)

Il paesaggio cambia nuovamente e si passa dalla zona umida con risaie, piantagioni di banane e altri frutti, a quella arida caratterizzata da piante grasse e dalla foresta spinosa. Pernottiamo al Berenty Lodge.

19° giorno Visita del parco.

20° giorno Ritornando a Fort Dauphin ci fermiamo al Parco Nazionale di Andoahela .

21° giorno Fort Dauphin e volo per Tana

22° giorno Visita della capitale, palazzo reale, mercato artigianale

23° giorno Purtroppo ritorno….

 

Rob

Slide show

UnderConstruction3

Questa parte del sito č a vostra disposizione

inviateci le vostre foto e i diari di viaggio

pubblicheremo tutto su queste pagine

pinuccioedoni@pinuccioedoni.it

GRAZIE!!!

TORNA ALL'INDICE DEI DIARI

iniziopagina